Mindfulness e MindSight

 
Dal punto di vista psicoterapeutico, la mindfulness apporta un contributo straordinario, in quanto, consente di coltivare l'attitudine ad accogliere i propri contenuti cognitivi-emotivi e al tempo stesso a non esserne schiavi.
 
La Mindfulness:
  • Ha a che fare con essere allerti e di vivere in armonia con se stessi e con il mondo.
  • Ha a che fare con la necessita di osservare ed esaminare chi siamo, ad interrogarci sulla nostra visione del mondo e il nostro posto al suo interno e di coltivare un po di apprezzamento per la pienezza di ogni momento che viviamo.
  • Ma più di ogni altra cosa: ha a che fare con la necessita di essere in contatto. 
 
Mindfulness significa porre attenzione in un modo particolare, con intento, nel momento presente e senza giudicare. Questo modo di porre attenzione nutre una maggiore consapevolezza, chiarezza, e un accettazione della realtà del momento presente. Ci sveglia al fatto che le nostre vite si rivelano in singoli momenti.
 
Non essere pienamente presenti a tanti di quei momenti, non solo ci porta a non vivere qualcosa di importante nelle nostre vite, ma anche, a fallire nell'accogliere la ricchezza e la profondità delle nostre possibilità a crescere e di trasformazione.
 
Una diminuita consapevolezza del momento presente, inevitabilmente crea altri problemi per noi, attraverso azioni e comportamenti inconsci ed automatci, spesso spinti da paure ed insicurezze profonde. E questi problemi tendano ad aumentare attraverso il tempo lasciandoci con la sensazione di essere bloccati e fuori contatto.
 
La Mindfulness ci offre una semplice, ma potente via per sbloccarci e di ritornare a sentirci in contatto con la nostra saggezza e vitalità. Diventa un modo per riprendere commando della direzione e della qualità delle nostre vite, le nostre relazioni familiari, le nostre relazioni di lavoro e del mondo, ma soprattutto, della nostra relazione con noi stessi come persone.
 
Cosa fa il Terapeuta? In pratica, il terapeuta aiuta il paziente ad apprendere e riconoscere i propri pensieri e le proprie sensazioni, emozioni, accogliendole così come sono, senza giudizi, nel "qui ed ora" del presente momento in cui sono vissuti a livello corporeo e sensoriale come punto di partenza verso una piena consapevolezza del proprio essere persone.
 
Lo stato di tensione, disagio o di malattia mentale spesso è dovuto da una enorme difficoltà nel percepire e decifrare il proprio vissuto creando disequilibrio e la mancanza di armonia interiore.
 
La consapevolezza invece porta con sè la soddisfazione di un bisogno innato e profondo di sentirsi al sicuro e di sentirsi in sintonia con noi stessi e con gli altri (Siegel).
 
Gli obiettivi finali di un'educazione interna fondamentalmente costruito e sostenuto da processi di mindsight e mindfulness, è di promuovere la salute con relazioni più empatiche stimolando il cervello verso l'integrazione e maggiore capacità di regolazione. La mente diventa vitale, creativa, riflessiva e resiliente.
 
Mindsight e mindfulness produce un integrazione nelle nostre relazioni e il cervello acquisisce il potenziale di alterare, modellare e trasformare la nostra vita mentale in po
 
Cordiali saluti
john curcio
Ciao!
Prova a creare la tua pagina web come me! E' facile e lo puoi provare gratis
ANNUNCIO