Open Dialogue Approccio per le psicosi

Le Psicosi acute sono un temporaneo radicale e terrificante alienazione della persona.

Open Dialogue Approccio

L'approccio denominato "Open Dialogue" può essere considerato un modello di intervento alle crisi psicotiche e cura di problematiche psichiatriche severe. Nasce in Finlandia quale approccio di rete e basato su principi dialogiche, con radici nella tradizione di Bateson.

Oggi è diventato il sistema nazionale di cura che continua ad influenzare altri paesi di Nord Europa.

L'approccio ha migliorato significativamente le psicosi, crisi psichiatriche acute severe e altre problematiche psicologiche, a confronto con strategie e trattamenti tradizionali.

Oltre ad aver diminuito la necessità di ricovero e l'utilizzo di psicofarmaci del 65 percento.

Open Dialogue integra differenti tradizioni psicoterapeutiche: nel campo della terapia familiare ha avuto il suo punto di partenza nel Milan systemic therapy << scuola che utilizza un approccio di comunicazione alle psicosi in cui il linguaggio e il comportamento psicotico hanno in comune un significato da decifrare, e vede le persone catturati da un sistema in corso e continuante, che produce definizioni conflittuali della natura stessa delle relazioni e di conseguenza un disagio soggettivo>>.

Approccio Finlandese

Con il tempo, l'approccio Finlandese si evolve oltre le sedute di terapia familiare e pone l'accento e il lavoro sulla necessità di organizzare delle "riunioni aperti" quale nuovo metodo di trattamento in cui la riflessione aperta e il linguaggio collaborativo diventano la struttura clinica della cura.

Da una prospettiva costruzionista sociale, la <<psicosi>> è una temporanea, radicale, alienazione terrificante che allontana una pratica comunicativa condivisa: una terra di nessuno dove il vissuto dell'esperienza intollerabile non ha parole, e di conseguenza, il paziente nessuna voce e nessuna relazione genuina.

Il gruppo Finlandese, vedono il linguaggio e la comunicazione aspetti primari che costituiscono la realtà sociale. Costruire parole e stabilire una comunicazione simbolica, da voce e crea identità nella agenda di attività che si verificano tra persone.

La crisi crea l'opportunità di fare e rendere le storie, le identità e le relazioni che costruiscono il Se e il mondo sociale.  

L'obiettivo terapeutico è di sviluppare un linguaggio verbale comune per il vissuto e le esperienze personali che altrimenti rimarebbero incarnate all'interno del linguaggio psicotico, e nei segni allucinatori e voci interiori.

 

L'approccio Finlandese alle psicosi è un modello di rete fondato sul linguaggio e la comunicazione alle cure psicologiche e psichiatriche.
L'approccio Open Dialogue utilizza "riunioni aperti" per ascoltare le storie, stabilire una comunicazione simbolica, dare voce alle difficoltà e problematiche e costruire identità.
La psicosi è una "terra di nessuno" lontano da una pratica comunicativa condivisa dove l'esperienza non ha parole e la persona nessuna voce e nessuna relazione genuina.
Cordiali saluti
john b curcio
Ciao!
Prova a creare la tua pagina web come me! E' facile e lo puoi provare gratis
ANNUNCIO